Vai al contenuto

Di che giardino sei?

di che giardino sei

Attraverso la ricomposizione delle immagini, dei ricordi, delle fantasie che costituiscono l’archetipo del nostro giardino intimo ognuno di noi può imparare a conoscere più in profondità se stesso e gli altri. Questo saggio restituisce il giardino alla sua funzione di luogo e produzione del mito. Un mito personale, liberato dalle convenzioni uniformanti della dimensione sociale, per accogliere lo spazio interno e privato della memoria, dell’attenzione amorevole a quel che si è stati, a quello che si sceglie di essere.

Attraverso immagini di giardini dipinti nei tempi: il giardino chiostro, il giardino lunare, stanza, urbano, aereo, paesaggio,… il libro fa immaginare, viaggiare dentro di noi e appaiono suoni e parole cresciute dal tempo. Credo che quando l’architettura riesce, anche solo in parte, a fare questo è un’ottima architettura. Ora raccogli parole, colori e odori e cominciamo a progettare. (GB)

non ci sono commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: